Se torno a nascere..

Pensatore

 

Diversi culti religiosi mondiali, specie quelli orientali, presuppongono l’esistenza di numerose vite in luogo di una sola, tartassata da divinità e credenze anacronistico-politiche, vita così come imposto dal dettame cattolico occidentale.
Non è semplice appassionarsi alle religioni nè tantomeno capirle, difatti le fede mistica comincia nel cuore dell’uomo e non nel suo cervello.
Nella mia vita non sono riuscito mai a far accendere quella scintilla di fede che mi faccia credere veramente in un qualsiasi Dio, Allah, Buddha e compagnia bella, anzi, ho sempre pensato che i culti esistano per invenzione umana e siano stati introdotti proprio dall’uomo per non dirsi confuso ed ignorante nei confronti di alcuni aspetti del suo vissuto che non fossero di facile interpretazione.
Fatta questa premessa, sono obbligato da cuore e cervello a dire che se dovessi tornare a nascere, nella mia prossima esistenza vorrei vivere il più lontano possibile dall’Italia.
Qualsiasi paese del mondo, dalle lande ghiacciate dell’ Alaska ai climi torridi del Nord Africa andrebbe bene.
Patire la fame, soffrire per le avverse condizioni climatiche e magari avere un’aspettativa di vita qualitativa e quantitativa inferiore rispetto ai canoni del caro vecchio mondo occidentale sarebbe infinitamente meglio che vivere in una realtà dipinta di falso benessere in cui all’apparenza tutto appare come il paese dei balocchi ma che dietro le quinte nasconde un vero e proprio turbinio di gironi infernali.
E non sto parlando di Mafia, Camorra e N’drangheta,nè tantomeno di politica e burocrazia: sto parlando di uno status faciendi che, nello Stivale tricolore, ci sta inducendo a comportarci sempre più come bestie.
Quanti di voi sugli autobus cedono il posto agli anziani? Chi è disposto a riportare un portafoglio smarrito, magari gonfio di banconote, al suo proprietario? Io ritengo che la risposta sia sempre la stessa: Nessuno.
Magari qualcuno, uno o due (su cento).
Ma, tralasciando queste sottigliezze da Giovani Marmotte di memoria Disneyana, credo che in pochi avvertano il clima potenzialmente pericoloso che c’è in Italia.
E di solito, quando uno si sente in pericolo, si rivolge alle autorità: polizia, carabinieri, vigili..
E quando le suddette autorità ti tradiscono?
Quando ti arrestano perchè in possesso di un po di fumo, ti sbattono in cella e dopo 2 giorni consegnano ai tuoi genitori un ammasso di carne tumefatta che non ti assomiglia nemmeno lontanamente?
Quando ti pedinano mentre eserciti la tua LIBERTA’ sessuale, ti registrano e ti ricattano?
Cosa dobbiamo fare, da onesti e civili cittadini italiani, quando non siamo tutelati nemmeno dai sedicenti tutori dell’ordine?
Ci si incattivisce e si degenera nella violenza (vedi al periodo Le BR e gli anni di piombo) oppure, si emigra, si lascia tutto a marcire e si va a vivere lontano.
Entrambe le soluzioni però sono difficili da realizzare perchè la violenza non è mai soluzione e non si può pensare di lasciare famiglia ed amici. E allora?
Ditemi voi, perchè io la luce in fondo al tunnel non riesco a vederla.

Foto: Le Penseur di Rodin, riproduzione.

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,

2 thoughts on “Se torno a nascere..

  1. Mattia Pascal ha detto:

    Vai, vai, grande Pensatore…parti da premesse giuste, ma poi ti perdi in una serie di luoghi comuni triti e ritriti, permettendoti di giudicare tutti come se fossi tu stesso il Dio che non riconosci. Vai, vai…non sentiremo certo la tua mancanza.

  2. mickpaollino ha detto:

    Sai, quando si decide di esternare i propri sentimenti nelle pagine di un blog si deve valutare bene la possibilità che chiunque possa intervenire, commentare, giudicare, sparare a zero.
    Nei blog che ho aperto ho approvato centinaia di commenti, anche quelli offensivi e pesanti, perchè è il commento del lettore che completa il post, aggiungendo quanto l’autore non è riuscito ad inserire.
    Il tuo commento invece l’ho approvato per due motivi:
    1)perchè fornisce un esempio della mentalità cattiva e bigotta che ci porta sempre a dire una cattiveria piuttosto che una buona parola. Ovvero splendido esempio di quanto scrivo nel post.
    2)lo tengo come monito, spauracchio ed anche questa volta esempio del commento perfettamente inutile che niente aggiunge a quanto ho scritto nel post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: