Christopher Lee, la storia di un attore diventato musicista

L’attempato signore che vedete in figura si chiama Christopher Lee ed è uno dei più grandi attori attualmente in attività.

Tra i suoi ruoli più importanti spiccano il Conte Dracula, per una serie prodotta dalla Hammer Film Productions, il Conte Dooku negli episodi II e III del prequel di Star Wars e lo stregone Saruman per la trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson.

Alla veneranda età di 80 anni l’attore britannico si è reinventato come musicista interpretando una metal/rock opera dall’emblematico titolo Charlemagne – By the sword and the cross con cui vuole omaggiare le proprie radici carolingie.

Ascoltati in sequenza i 14 brani raccontano l’ascesa del sovrano Carlo Magno dalle battaglie della gioventù fino alla consacrazione come imperatore del Sacro Romano Impero: le voci di Sir Lee e degli altri attori che compongono il cast di questa imponente metal opera si alternano accompagnati da un’orchestra di 100 elementi diretta dal nostro Marco Sabiu e da numerosi assoli di chitarra elettrica.

Il re dei vampiri che si è tramutato in Jedi e poi in stregone fantasy diventa un ottimo musicista proponendo, bisogna dirlo, un prodotto per amanti del genere epico e delle arie evocative e immaginifiche tipiche delle più famose soundtrack cinematografiche.

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

2 thoughts on “Christopher Lee, la storia di un attore diventato musicista

  1. […] Il cantante britannico Ozzy Osbourne, già frontman storico dei Black Sabbath, primo embrione di band heavy metal (prima che proprio tra le braccia voluttuose della Regina nascesse il fenomeno Iron Maiden) con il suo ultimo album, il 15° della sua carriera da solista, Scream, avrebbe voluto confermare la regola attuale che vede artisti più o meno datati reinventarsi per rimanere nella scena musicale mondiale come Mick Jagger e gli Stones, gli Scorpions (ne ho parlato qui) e Christofer Lee (ne ho parlato qui). […]

  2. […] Il cantante britannico Ozzy Osbourne, già frontman storico dei Black Sabbath, primo embrione di band heavy metal (prima che proprio tra le braccia voluttuose della Regina nascesse il fenomeno Iron Maiden) con il suo ultimo album, il 15° della sua carriera da solista, Scream, avrebbe voluto confermare la regola attuale che vede artisti più o meno datati reinventarsi per rimanere nella scena musicale mondiale come Mick Jagger e gli Stones, gli Scorpions (ne ho parlato qui) e Christofer Lee (ne ho parlato qui). […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: