Specchio sul cinema

pellicolaConsentitemi di essere esplicito sin dall’inizio.

Non credo che vi piacerò.
I signori proveranno invidia e le signore disgusto. Non vi piacerò affatto. Non vi piacerò ora e vi piacerò ancor meno in seguito. Signore un avvertimento. Io sono pronto a tutto in ogni momento e se merito o demerito questa ora è difficile da dire. Tuttavia è certo che sono un libertino. Continuerò a spassarmela e a provare ardenti passioni. Non voletemene. Vi arrecherebbe afflizione. E traete le vostre conclusioni alla distanza a cui vi terreste se stessi per mettere la lingua sotto le vostre sottane. Signori non disperate. Sono pronto a tutto si. Lo stesso avvertimento vale anche per voi. Placate le vostre squallide erezioni perchè quando avrete un amplesso vedrò di cosa sarete capaci. Allora saprò se sarete venuti meno alle mie aspettative. Vi auguro di fottere immaginando che la vostra amante segreta vi stia osservando di nascosto. Di provare le stesse sensazioni che io ho provato e che provo. E chiedervi: Era questo lo stesso brivido che sentiva lui? Avrà conosciuto qualcosa di più intenso? O c’è un muro di disgrazia contro il quale tutti battiamo la testa in quel fulgido ed ermo momento? Questo è tutto.
Questo il mio prologo. Nessuna rima e nessun decoro.
Non era quello che vi aspettavate spero.

Monologo di Johnny Depp che apre il film The Libertine di Laurence Dunmore, 2004.

Permettetemi di accennare al carattere di questa dramatis persona: Voit là, alla Vista un Vile Veterano del Vaudeville chiamato a fare le Veci sia della Vittima che del Violento dalle Vicessitudini del fato, questo Viso non è Vago Vessillo di Vanità ma semplice Vestige del (Vox populi?) ora Vuota e ora Vana. Tuttavia questa Visita ama quest’azione passata, acquista Vigore ed è Votata alla Vittoria sui Vampiri Virulenti che aprono al Vizio garanti della Violazione, Vessatrice, Vorace della Volontà…l’unico Verdetto è Vendicarsi… Vendetta, e diventa un Volto ormai Vano poichè il suo Valore e la usa Veridicità Vendicheranno un giorno coloro che sono Vigili e Virtuosi,(risata),in Verità questa Vicessois Verbale Vira Verso il gravoso, quindi permettemi di aggiungere che è un grande onore per me conoscervi e che puoi chiamarmi V.

Monologo di V che apre il film V for Vendetta di James McTeigue, 2005.

MUST SEE!!!

  • Fight Club
  • Snatch
  • Into the wild
  • Burn after Reading
  • Amici miei atto I, II e III
  • Good morning Vietnam
  • I cento passi
  • Pulp Fiction
  • Le Iene
  • The Libertine
  • V for Vendetta
  • I love Radio Rock
  • Motel Woodstock
  • Be Kind Rewind
  • Avatar
  • La prima cosa bella
  • Il grande Lebowski
  • Radio America
  • Inglorius basterds
  • Easy Rider
  • Inception


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: